MORELLO – CARRELLI SEMOVENTI INDUSTRIALI PER CENTRALI NUCLEARI


Postato su Agosto 5, 2020

Ad aprile 2020 sono presenti 440 centrali nucleari nel mondo. Inoltre, sono presenti 55 reattori in costruzione ed è stata pianificata la costruzione di altri 109 reattori. D’altro canto, oltre 180 reattori commerciali, sperimentali o prototipali e oltre 500 reattori di ricerca sono stati chiusi.

Il processo di smantellamento di un impianto nucleare è lungo, costoso e richiede livelli di sicurezza estremamente elevati. Ci sono regole rigide riguardo allo smantellamento degli impianti nucleari, le quali includono la pulizia di sistemi e strutture contaminati dell’impianto e la rimozione del combustibile radioattivo. Questi requisiti proteggono gli operatori e i cittadini durante l’intero processo di smantellamento e i cittadini una volta terminato il processo.

Morello ha fornito carrelli semoventi industriali per carichi pesanti per l’utilizzo in progetti di smantellamento nucleare in svariati paesi, tra cui Germania, Francia, Paesi Bassi e Italia. Ci sono dei requisiti rigidi da rispettare, ogni aspetto e ogni dettaglio dell’attrezzatura deve essere studiato, controllato e documentato. Morello è in grado di fornire tutti servizi di supporto e la documentazione richiesta. Ciò richiede una struttura di supporto per i clienti e un project management strutturato che va ben oltre la progettazione e la costruzione del macchinario industriale in sé.

La sicurezza è il fattore chiave e guida tutte le operazioni nell’industria nucleare. Morello ha l’esperienza e le infrastrutture per fornire ai clienti i processi, le garanzie e le certificazioni richieste.

Il seguente progetto è un esempio dell’esperienza e della capacità di Morello di fornire carrelli industriali e attrezzatura per la movimentazione di materiali pesanti in un settore dalle elevate esigenze come può essere quello dell’Energia Nucleare.

Caso: Smantellamento dell’impianto elettronucleare a Latina, Lazio, Italia.  L’impianto elettronucleare è stato in funzione dal 1963 al 1987. La prima fase del processo di smantellamento è da completarsi nel 2027.

La Sfida: Sogin è la società responsabile per il processo di smantellamento. Erano presenti due requisiti operativi per la movimentazione di materiali pesanti, per cui Morello ha avanzato due proposte dettagliate.

  1. Lo spostamento di “virole” dal peso di 120 tonnellate e dalle dimensioni di 5,6 m x 3,4 m. Queste dovevano essere spostate da una posizione esterna in un deposito costruito ad-hoc in cui le virole venissero tagliate e sezionate in pezzi più piccoli per lo smaltimento.
  2. Lo spostamento di container contenenti rifiuti contaminati dal peso fino a 20 tonnellate. Questi container dovevano essere spostati all’interno dell’impianto e sollevati a un piano superiore.

L’impianto di Latina, nel Lazio, Italia, è situato in una zona sismica. Morello doveva garantire che l’attrezzatura per la movimentazione di materiali industriali e trasporto di carichi pesanti fosse in grado di resistere a eventuali scosse di terremoto di varia intensità.

La soluzione: per risolvere queste sfide, Morello ha proposto e costruito tre carrelli trasferitori industriali:

  1. Trasporto delle virole: Un carrello trasferitore su ruote alimentato a batteria (SGAI-E VSP3): Il carrello SGAI aveva una configurazione speciale con 32 ruote super elastiche, meccanismi di equalizzazione meccanica per garantire il contatto con il suolo di tutte e 32 le ruote e per una perfetta distribuzione del peso, 4 motori di trazione elettrici privi di manutenzione. Il meccanismo di sterzo è stato progettato per evitare lo strisciamento delle ruote durante le operazioni di sterzo (sterzo Ackermann). Una piattaforma auto-caricante con una capacità di 130 tonnellate azionata da un sistema idraulico con un motore elettrico e 8 cilindri integrati nel telaio.

    Gli scanner laser garantiscono una funzione di arresto di sicurezza in caso di ostacoli lungo il percorso dal carrello.

    Il modello SGAI è stato fornito insieme ad un telaio in acciaio (10 tonnellate di peso), da posizionare su 4 supporti, la quale doveva essere sollevata e spostata dal carrello trasferitore una volta posizionate le virole al di sopra di essa.

  2. Trasporto e rotazione delle virole: Un carrello trasferitore su binari, alimentato a batteria (SBA): una capacità di carico di 130 tonnellate, supportata da 8 ruote in acciaio a doppio bordino per un posizionamento preciso. Una piattaforma rotatoria permette alle virole di essere posizionate nella maniera appropriata per le operazioni di taglio e sezionamento.

  3. Spostamento dei container di materiale contaminato: Un carrello trasferitore su binari alimentato a batteria (SBA-E): dotato di una piattaforma sollevabile per sollevare i container utilizzando 4 cilindri con sensori di posizione e pressione. Il carrello è stato dotato di numerosi sensori e controlli di sicurezza aggiuntivi per una massima sicurezza operativa.

La struttura di tutti e tre i carrelli trasferitori industriali per la movimentazione di carichi pesanti è stata progettata per resistere a shock sismici e, inoltre, al cliente è stata fornita la relativa documentazione di supporto. Per lo più, all’interno di un impianto nucleare è richiesta una significativa quantità di documentazione tecnica, ben oltre i requisiti generali dell’industria pesante. Questa è stata completata e fornita da Morello, proprio come richiesto.

Morello ha ottimizzato i suoi software proprietari nel corso di svariati anni. I carrelli e le macchine Morello presentano una diagnostica avanzata sull’HMI (interfaccia uomo-macchina) e funzionalità IoT integrate che permettono a Morello di fornire assistenza da remoto dove e quando richiesto.

I carrelli per movimentazioni industriali Morello garantiscono un elevato livello di performance, sicurezza e precisione grazie all’utilizzo delle tecnologie più avanzate. Negli impianti nucleari è necessario eliminare qualunque rischio operativo. L’approccio perfezionato di Morello riguardo al problem solving fornisce supporto e tecnologia di cui hanno bisogno le multinazionali nel settore energetico per operare in maniera efficiente e sicura.

Share: