Skip to content

Perché il sistema Omnidirezionale MORELLO è speciale

Sul mercato sono presenti vari sistemi omnidirezionali, che permettono a carrelli semoventi di muoversi in tutte le direzioni ed effettuare sterzature speciali, come il carosello (sterzatura attorno al proprio centro), il compasso (sterzatura attorno ad un punto), il movimento laterale, ecc.…

Il sistema utilizzato dalla Morello sulle sue macchine OMNI è il risultato di anni di studio, di prove sul campo e di analisi dei feedback dei clienti.

Il nostro sistema, rispetto ad altri sistemi meno all’avanguardia:

  • Non rovina la pavimentazione dello Stabilimento, evitando alti costi per il continuo ripristino
  • Non causa un consumo precoce delle ruote, riducendo i relativi costi di manutenzione
  • Può lavorare anche su pavimentazioni non perfette, evitando costi di adeguamento della pavimentazione
  • E’ estremamente flessibile e future-proof; può infatti essere spostato di unità produttiva o di Stabilimento con diverse caratteristiche di pavimentazione
  • Garantisce aderenza su ogni tipo di pavimentazione, anche in pendenza o sul bagnato, evitando “blocchi” del carrello e relativi fermi produttivi
  • Permette una guidabilità estremamente precisa, ottimizzando i tempi di movimentazione
  • E’ quasi privo di manutenzione, essendo alimentato da motori elettrici brushless
  • Ha un basso consumo della batteria, garantendo un notevole risparmio economico durante il suo utilizzo
  • Ha un sistema di sollevamento estremamente flessibile, adatto ad ogni tipo di carico

 

Ma cosa lo differenzia tecnicamente dagli altri sistemi?

 

TUTTE LE RUOTE SONO MOTORIZZATE

Ogni singola ruota del semovente ha un proprio motore elettrico brushless di trazione gestito dal proprio inverter.
Tutte le ruote sono quindi controllate elettronicamente (direzione, accelerazione, numero di giri, coppia, ecc.…) dal nostro software. Non ci sono quindi ruote folli, che, non essendo gestite, vengono “trascinate” e rischiano di rovinarsi e, soprattutto, di rovinare la pavimentazione su cui lavorano.

Con tutte le ruote motrici, il sistema Morello garantisce inoltre una perfetta aderenza su ogni tipo di pavimentazione, anche in pendenza o sul bagnato, evitando situazione spiacevoli di “blocco” del carrello a causa di una piccola buca, di una pendenza non prevista o di altre inattese asperità del terreno. Necessitando di fatto dell’utilizzo di una gru di grande portata o di un altro mezzo per risolvere il problema. Con tutte le ruote motrici, il sistema Morello garantisce inoltre una perfetta aderenza su ogni tipo di pavimentazione, anche in pendenza o sul bagnato, evitando situazione spiacevoli di “blocco” del carrello a causa di una piccola buca, di una pendenza non prevista o di altre inattese asperità del terreno. Necessitando di fatto dell’utilizzo di una gru di grande portata o di un altro mezzo per risolvere il problema.Illustrazione del sistema Omnidirezionale MORELLO

 

LE RUOTE SONO ACCOPPIATE A DUE A DUE E STERZANO ATTORNO ALLA LORO MEZZERIA

Nessuna ruota gira attorno al proprio asse o troppo vicino ad esso, evitando quindi “strisciamento” durante la sterzatura. Strisciamento che:

  • Rovina in modo permanente ruote e pavimentazione
  • Diminuisce in modo importante la precisione di sterzo del semovente, soprattutto da fermo. Causando movimenti non controllabili dell’intero sistema, che potrebbero creare difficoltà all’operatore che cerca di posizionare in modo preciso il carrello.

Illustrazione dello sterzo semovente Morello

 

LE COPPIE DI RUOTE, OSCILLANTI SU UN ASSALE BASCULANTE, SONO SUPPORTATE DA UN CILINDRO IDRAULICO DI SOSPENSIONE, UTILIZZATO SIA PER IL BILANCIAMENTO DEL PESO SULLE RUOTE CHE PER IL SOLLEVAMENTO DEL PIANO DI CARICO (NEI SEMOVENTI CON SOLLEVAMENTO)

Illustrazione delle ruote supportate da cilindro idraulico di sospensione

La compensazione idraulica permette di riportare il semovente ad un sistema cosiddetto isostatico, con 3 punti di stabilità, i 3 punti che danno garanzia di formare un unico piano (il terreno). Avendo quindi un sistema in equilibrio su soli 3 punti:

  • Abbiamo la certezza che tutte le ruote tocchino sempre terra, anche su pavimentazioni non perfettamente piane, evitando slittamenti e blocchi del semovente
  • Il peso si distribuisce in modo uniforme su tutte le ruote, anche qui evitando sovraccarichi delle ruote che possono comportare eccessiva usura o addirittura vere e proprie rotture strutturali

Molti sistemi sul mercato, senza questa compensazione idraulica, sono in equilibrio su 4 o addirittura molti più punti! In questo modo si ha un sistema cosiddetto iperstatico, estremamente “rigido”, che non può dare garanzia che tutte le ruote tocchino terra. Questo, come scritto sopra, può comportare blocchi del semovente e sovraccarichi sulle ruote e sull’intera struttura che rischiano di danneggiare gravemente il carrello e la pavimentazione su cui lavora.

Illustrazione del sollevamento del piano di carico del semovente Morello

 

SI SOLLEVA L’INTERO PIANO DI CARICO E LO FA TRAMITE IL SISTEMA IDRAULICO DI COMPENSAZIONE DELLE RUOTE

Il sistema di compensazione idraulica ha anche lo scopo (laddove è richiesto) di sollevare il piano di carico del semovente. Sollevando l’intero piano di carico, e non solo alcune travi/lamiere:

  • Si ha un carrello molto più flessibile nel suo utilizzo, in quanto può sollevare ogni tipo di carico, senza particolari limiti a livello di interfacce
  • La superficie di contatto con il carico è molto più estesa, garantendo maggior stabilità del carico e una migliore distribuzione sul carro e quindi sulle ruote e sulla pavimentazione

I sistemi con il sollevamento di solo alcune travi/lamiere sono molto più “rigidi” e rischiano di essere molto limitanti nel caso in cui si decida di utilizzare il semovente per scopi diversi da quelli per cui è stato progettato inizialmente. Inoltre, possono portare ad una distribuzione non adeguata del carico, mettendo a rischio la stabilità dello stesso e la tenuta strutturale dell’intero sistema.

Il sollevamento tramite il sistema di compensazione idraulica permette inoltre di agire sui vari punti idraulici in modo indipendente, “inclinando” il piano di carico secondo le necessità. Cosa che un sistema “rigido” non permette.

Illustrazione del sollevamento tramite sistema di compensazione idraulica Morello

 

TUTTE LE RUOTE SONO MOTORIZZATE MA I CONSUMI SONO MINORI

Nonostante tutte le ruote siano motorizzate il consumo della batteria è inferiore rispetto agli altri sistemi. Infatti:

  • I motori di trazione sono utilizzato anche per sterzare, riducendo di fatto i consumi necessari per la sterzatura
  • Non essendoci ruote trascinate o che strisciano sul terreno causando attrito (e rovinando ruote e terreno), ed essendo invece tutte controllate da inverter di ultima generazione, gli sforzi non necessari sono ridotti al minimo

 

LA MANUTENZIONE È QUASI ASSENTE

Non usando motori idraulici per la trazione e lo sterzo, ma utilizzando solo motori brushless (maintenance-free), la manutenzione e i costi e i fermi macchina che questa comporta sono ridotti al minimo.

Illustrazione di un componente del motore

 

Visita la nostra pagina relativa agli OMNI o contattaci direttamente per chiederci maggiori informazioni!

Potrebbe interessarti anche